Media e Creatività

Nome del partner – Abbreviazione
CyberForum e.V. - CF

Concetto del pilota e Approccio

CyberForum è responsabile del pilota nel campo di “Media e Creatività”. Con grande aiuto degli stakeholder del pilota, ha elaborato il concetto per un “Laboratorio di Open Innovation e Test di Usabilità” (OpenInUse-Lab). OpenInUse-Lab è un Living Lab per testare nuovi siti web, applicazioni web e per telefono cellulare in modo orientato all’utente. Include il supporto di processi di Open Innovation e permette agli utenti di migliorare attivamente il prodotto dando feedback e valutandoli.

I processi di Test di Usabilità e Open Innovation aiutano le imprese a sviluppare i loro prodotti insieme agli utenti, includendo le loro idee durante la fase di sviluppo. Entrambi i tipi di processo interagiscono e rendono possibili feedback esaustivi sull’usabilità del software.

I processi di Test di Usabilità e Open Innovation però difficilmente riguardano le medie imprese, sebbene l’utilizzo di nuove tecnologie e nuovi dispositivi imponga un costante avanzamento del software (Fraunhofer IAO: Usability im Mittelstand verankern, 2013). I metodi d’ingegneria dell’usabilità (UE) proposti dalla ricerca sono adottati raramente se non mai. Tale fatto può essere spiegato principalmente dai costi troppo alti dei test di usabilità: gli esperti UE possono valutare seriamente i prodotti solo se hanno seria competenza nel campo dei prodotti. Questo o alza il costo degli esperti UE o finisce in un’osservazione che si concentra solo sull’interfaccia dell’utente. Inoltre, i laboratori di usabilità sono molto costosi e spesso non alla portata delle piccole/medie aziende, soprattutto se si richiedono test di usabilità ripetuti e accurati. Perciò devono essere sviluppate nel pilota delle misure che si rivolgano in modo forte ai problemi dell’usabilità e dell’Open Innovation per le piccole/medie imprese. L’approccio che si propone promette di offrire test di usabilità come servizio con importanti vantaggi sui costi. In tal modo, in particolare le piccole/medie imprese saranno in grado di procurarsi test di usabilità a basso prezzo e i loro prodotti saranno pronti per la commercializzazione più velocemente. Da un lato questo rafforzerà la competitività nazionale e internazionale delle imprese e dall’altro si aumenterà il consenso/apprezzamento del cliente per i prodotti testati.

Organizzazione dell’azione del pilota

Il pilota stesso è stato creato all’interno di un procedimento di Open Innovation: l’idea di un software di autoapprendimento di test di usabilità è stata pubblicata su un portale dove esperti interessati e (potenziali) utenti potevano discuterne e valutarne l’approccio così come i feedback. Inoltre, sono stati tenuti diversi workshop con gli stakeholder del pilota per migliorare il concetto ed elaborare la struttura tecnica del pilota. Il team del CyberForum ha inoltre più volte dato supporto e partecipato al World Usability Day e allo UX-Day a Mannheim, in Germania, con lo scopo di essere in grado di discutere con esperti di usabilità e così ottenere ancora migliori input per il pilota. Un po’ alla volta è diventato chiaro che tutta la potenzialità del software di autoapprendimento di test di usabilità può essere realizzata solo se si include un procedimento di Open Innovation.

Approccio

In un primo momento il software di test di usabilità sarà sviluppato da una soluzione “Software-come-Servizio”. Permetterà così a esperti, programmatori, ricercatori e utenti finali di dare dei feedback sull’usabilità del software, della piattaforma, delle applicazioni per telefono, dei siti web e di prodotti simili. Il software sarà capace di apprendere dai feedback degli esperti.

Il software sarà inoltre integrato con la possibilità per gli utenti di dare feedback generali sui prodotti e di valutare feedback e idee. Si permetterà così al procedimento di Open Innovation di condurre a più prodotti guidati dalla domanda.

In un secondo momento il software sarà adottato in modo che sia in grado di darsi da solo e automaticamente feedback sull’usabilità e sul potenziale miglioramento dei prodotti – e ciò basandosi sull’apprendimento e sulle conclusioni del primo momento. Grazie al fatto che Living Lab è un ecosistema di sperimentazione e co-creazione con utenti reali in un ambiente di real life, il pilota stesso può essere visto come un Living Lab Online. In esso utenti finali insieme a ricercatori, imprese e istituzioni pubbliche si uniscono nell’esplorare, ideare e validare nuovi e innovativi prodotti, servizi, soluzioni e modelli di mercato.

Tutti i servizi – durante la fase di prova ¬– saranno disponibili per tutti i partecipanti di SmarterCity Karlsruhe, compresa la cittadinanza. Nella seguente e finale fase di presentazione al pubblico il pilota diventerà “transnazionale”: sarà tradotto in inglese e reso disponibile e di nuovo accessibile attraverso una piattaforma online da tutti i partner di CentraLab. Questi ultimi saranno in grado di offrire tutti i servizi disponibili ai loro membri; molte imprese potranno così beneficiare degli outputs del progetto pilota CentraLab in questione.

Attività per il futuro

Come primo momento dello sviluppo dei test di usabilità e del software di Open Innovation, gli stakeholder devono fare domanda di finanziamenteo. Il rischio tecnico come anche economico dello sviluppo previsto è troppo alto per gli stakeholder.

Gli stakeholder vogliono costruire in joint venture un Centro di Competenza di Usabilità non appena il software sarà pronto per l’uso. Gli esperti di usabilità coinvolti porteranno la loro competenza riguardo all’usabilità e ai processi di Open Innovation. I servizi offerti nel Centro di Competenza dovranno includere il reperimento di analisi sull’usabilità di prodotti TIC, il reperimento di esperti di usabilità in particolari questioni o l’organizzazione di diversi tipi di eventi, concentrando l’attenzione su esperienze di una particolare questione e lo scambio di informazioni (workshop, tavole rotonde, conferenze…).

 

Per ulteriori informazioni visitare: http://usebox.eu/

Potete contattare i referenti del Pilota Centralab su Media e Creatività:

Tamara Högler
Ilona Daum